Cinquanta. E non sentirli.

Sembrava una semplice riunione di famiglia, il solito raduno al quale spesso scoccia anche andare, un altro matrimonio, parenti, chiesa, ristorante, cibo, tanto cibo vestiti scomodi e tacchi da sopportare.
I parenti assenti che avresti voluto rivedere, quelli assenti che non vedrai mai più.
Quelli che c’erano e che avresti voluto non vedere e quelli che invece c’erano e rivedi sempre con piacere.
E anche quelli inaspettati. Che a volte non guasta!
E questo è stato, alla lettera.
Ma è stato anche molto altro.
È stato un bimbo da conoscere.
Un tavolo pieno di ricordi. Che non hanno futuro.
È stato riflessione.
Emozione.
Commozione.
È stato dispiacere.
È stato ricordi.
È stato risate.
Ed è stato anche pianti.
Una vita vissuta intensamente e 50 anni insieme tra gioie e dolori, salute e malattie devono pur insegnare qualcosa… Lasciare qualcosa…
La cosa più bella che ho imparato oggi è che dentro ciò che è scontato e ciò che spesso ci si aspetta c’è tutto un altro mondo visibile solo a chi lo sa vedere.
Io oggi l’ho visto! Grazie zii x tutto questo! E ancora tanti auguri!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: