Io e la Mia Pancia

Grazie a Barbara stasera sono di nuovo qui a scrivere! Una ragazza che conosco poco, che in effetti non conosco affatto, ma so abbastanza di lei per poter dire con certezza che ha le palle. Anche la sua vita non è facile, soprattutto in questo momento per quel poco che ne so… però “incontrare” certe persone ti fa capire che nella vita non bisogna mai arrendersi alle difficoltà, che bisogna guardare al futuro a testa alta, farsi forza con ciò che di bello c’è nel proprio piccolo angoletto di mondo e andare avanti… Sempre! E lei, come me, dentro di sè ora ha il futuro! E che futuro!!!

Mi si chiedeva come mai non avevo più voglia di scrivere in questo periodo e riflettendo sul motivo primario di questo blog, e cioè la voglia di lasciare ad Alessia e Noemi delle sensazioni di vita vissuta dalla mamma, ho capito che mai come ora ho tanto da raccontare! E non importa se le sensazioni siano belle o brutte, è comunque vita che è stata vissuta e che non può essere diversa evitando di raccontare.

ANZI, secondo me quando i tempi saranno maturi i nostri figli avranno in mano la chiave per capire esattamente (ed in diretta) tutto quello che quando erano piccoli non potevamo spiegargli, per un motivo o per l’altro, perchè non avrebbero potuto capire, o perchè erano troppo piccoli, o per pudore di mamma o che ne so io perchè ma sento dentro di me che è una cosa bella e voglio portarla avanti!

Purtroppo aspettando Alessia, ormai 4 anni fa, non tenevo ancora questo blog, quindi a parte pesi, misure, ecofrafie e fatti puri non ho niente di “mio” da leggere… e da far leggere loro! (a parte il lunghissimo racconto parto che fortunatamente ho messo nero su bianco ed ho postato anche qui!)

Oggi c’è cacchio! e devo utilizzare questo fantastico strumento che ho tra le mani!

Oggi ho conosciuto un bimbo di appena qualche ora di vita, un nuovo miracolo dato alla luce nella clinica dove nascerà anche la mia piccola Noemi.

Ero quasi impaurita all’idea di toccarlo … uno scricciolo indifeso e tenero… Auguri Alessandra e Benvenuto Lorenzo!

Mi ricordo quanto mi mancasse il pancione dopo la nascita di Alessia. In effetti è un momento molto intenso e dificile da spiegare. Soprattutto a chi non lo ha provato e soprattutto ad un uomo, che non lo può provare.

I primi mesi quasi non ci si rende conto di nulla, c’è si la consapevolezza che una nuova vita stia crescendo in te, per te, con te…. ma fino a che non senti muovere qualcosa, il famoso battito d’ali, quella vita non è ancora tua del tutto. E voglio sottolineare che un figlio è completamente tuo solo fino al momento in cui non mette fuori la testolina ed inizia a respirare con i suoi polmoni. Allora lì, da quel momento in poi lui sarà suo e solo suo per sempre.Subito dopo, noi o chiunque altro sarebbe in grado di allevarlo al posto nostro permettendogli comunque di diventare un uomo. Prima esistiamo solo noi e basta.

Noi mamme infatti abbiamo questo privilegio: possedere il dono di essere NECESSARIE per un altro essere umano fino a parto avvenuto. E qui cade il detto antico come il mondo che “tutti siamo utili e nessuno è indispensabile”.

Io sto vivendo questo stato di grazia ormai da 7 mesi finiti. e ringrazio Dio che sia riuscita a farlo per la seconda volta nella mia vita.

Siamo a -8 settimane al parto, e mancano cioè 2 mesi scarsi. Ciò significa che, nonostante non riesca già più a dormire comodamente la notte, nonostante abbia la schiena che mi fa malissimo, nonostante inizi ad essere pesantissima  e che mi senta la Sora Lella nella terra dei pinguini…… ho ancora 8 settimane per sentirmi parte di lei completamente …e sentire lei completamente parte di me.

Ed è bellissimo! Ora più della prima volta perchè sono cosciente di come mi sentirò quando lei non sarà più mia. E anche del fatto che potrebbe essere l’ultima volta che porterò un bimbo in grembo.

Penso che il periodo della gravidanza sia uno dei periodi più belli della propria vita, qualsiasi cosa ti accada intorno vale la pena di non badarvi troppo ed essere felici incondizionatamente.

Ai problemi della vita ci si può pensare dopo! Ovviamente non è facile ed io stessa sto vivendo molti disagi in questo periodo, però sono sicura che se Noemi non fosse stata dentro di me non avrei affrontato le difficoltà come invece sto cercando di fare…..

Ancora devo conoscerla e già la devo ringraziare.

Ancora devo conoscerla e già la Amo!!!!

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. paroleinpunta
    Lug 25, 2011 @ 23:51:14

    Non ti conosco affatto e ho letto solo questo post…
    ma credo (e te lo auguro soprattutto) che sarai una brava mamma… commetterai errori, ti arrabbierai, e farai tante altre cose, ma credo che la più bella, almeno da come scrivi, sia quella che saprai lasiare aprire le ali a chi ora porti in viaggio per farla volare come lei vorrà…
    buona notte…
    cla

    Rispondi

    • bibbi77
      Lug 26, 2011 @ 06:33:03

      Intanto ti ringrazio, poi aggiungo, e sarà il mio prossimo post (rovescio della medaglia di questo) che se è facile concepire un figlio, almeno per me lo è stato per altre non è così purtroppo, è altrettanto difficile fare la mamma.
      Alessia, la mia prima bimba ringraziando il cielo è sana, sveglia, vivace, esuberante e chi la conosce troverebbe altri mille sinonimi per descriverla… ma la linea di confine che mi porterebbe a scrivere un TROPPO davanti ad ogni aggettivo è davvero vicinissima.
      Se sbirci tra i miei post sicuramente te ne fai un’idea!
      AL PROSSIMO POST … e grazie ancora!
      Bibbi

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: